Implacabile la sveglia suona alle 5,30. Metto il naso fuori dalla finestra per controllare il meteo. La giornata è uggiosa, piove e fa freddo . . . meglio così !! Ma non ho tempo i ragazzi fra poco arrivano. Velocemente faccio colazione e mi preparo per questa nuova sfida.

Alle 6.10 arrivano Maury, Cesarone, Mike e Viki jet , carichi ma per nulla tesi , pronti ad affondare il colpo sui 42.195 mt. della maratona. Passiamo da Davide “ l’Antilope” che ci farà compagnia alla grande “solo” per 21 km ( causa convalescenza per infortunio) ,  mentre Davide “ il capitano” è già a Milano per il suo lavoro da pace maker.

Ci portiamo a Sesto per prendere la metro. Il viaggio verso Rho dura circa 50’ ma ridendo e scherzando passa velocemente, anche se dobbiamo “sopportare” Mike e il suo luuuungo elenco di gare che stà programmando da qui fino al 2020 ( causa necessità ottenimento permessini dalla sua dolce metà !!! ).
Arriviamo a Rhò fiera. Dopo avere perso un po’ di tempo per causa mia e dei miei problemi allo stomaco, ci incamminiamo verso la zona cambio posta in un parcheggio. Purtroppo Milano a livello logistico non è il massimo, ma almeno il parcheggio è al coperto. Ci cambiamo e dopo che Viki si da gli ultimi ritocchi al trucco, portiamo le sacche ai camion.
Entriamo nelle gabbie . Osservo i miei compagni, li guardo il volto : Mauri concentrato e convinto come non l’ho mai visto ( fa quasi paura !!! ), Cesarone sempre “apparentemente” calmo ma con il piglio di uno che sa quello che può fare, Mike . . . il Keniano Bianco . . . unico il suo pre gara, L’Antilope e la tranquillità del campione, Il Capitano che dalla sua posizione da pace maker ci tiene tutti sotto controllo.
E poi c’è lei, la nostra punta di diamante VIKI. E’ alla sua prima maratona e le aspettative su di lei sono molte. Meno di tre settimane fa era infortunata, ma la ragazza ha un carattere di ferro e niente la può fermare. Si rilassa ascoltando e ballando la musica dal suo i pod .
Alle 9,20 si parte. Le coppie Mauri con Cesare e Mike con l’Antilope, volano subito via .
Viki ed io come da programma, partiamo tranquilli al fianco del Capitano pace maker delle 3h 30’. L’idea è di stare con lui fino al 15° per poi uscire ed allungare progressivamente. Viki, è un atleta molto forte, ma è alla sua prima maratona ed è meglio andarci con le molle.
Piove e fa quasi freddo ma si viaggia bene. Dopo qualche km ci affianca Claudio, un forte atleta amico di Viki che ci scorterà e farà compagnia fino alla fine.
Come da programma al 15° aumentiamo il passo, Viki con Claudio allungano. Io purtroppo non sono a posto con lo stomaco, ho delle forti fitte che mi fanno rallentare e staccare da loro un centinaio di metri. Ma, fortunatamente , i dolori passano così allungo velocemente il passo e mi riaggancio a loro.
Corso Sempione, il Duomo . . . ma quanto è bella Milano !!! Stiamo viaggiando proprio bene. Abbiamo preso un bel passo. Tengo controllata Viki, la guardo in volto, mi sembra tutto ok . Arriviamo al 35° – 37°, Viki prosegue sempre con il suo bellissimo passo ma adesso è concentratissima quasi scura in volto, i km e la fatica iniziano a farsi sentire. Sono i km a lei sconosciuti ma ciò nonostante  non molla un metro, anzi, in progressione, aumenta anche l’andatura  continuando a passare molti atleti . . . che carattere !!!
Oramai siamo alla fine vediamo il traguardo, le persone alle transenne ci incitano. L’adrenalina sale e la ragazza spinge ancora più forte . . . ultimi 500 – 250 – 50 mt  e alla fine . . . 3h 26’ 18” ECCEZIONALE !!!
 Viki come al solito è stata semplicemente fantastica. Chiudere la sua prima maratona sotto le 3h 30’ non è da tutti. E’ arrivata tutto sommato anche poco stanca e quasi rammaricata di non avere tenuto un ritmo più alto. Con le qualità fisiche e caratteriali che ha, sono convinto che fra non molto migliorerà ulteriormente il già ottimo risultato ottenuto. Ma oggi va benissimo così .
Dopo qualche minuto arriva il Capitano raggiante per il risultato di Viki e ancora di più alla notizia che anche Mike 3’09”, Maury 3’16”, Cesarone 3’24” hanno tutti migliorato il proprio tempo personale.
Finalmente GRANDE Keniano . . . veramente super !!! Ma anche un encomio solenne ( vero Mike ) all’ Antilope che gli ha dato una manona tenendolo a freno nei primi km, pilotandolo fuori dal gruppo, ma facendolo passare alla mezza in un tempo perfetto per ottenere l’ottimo risultato finale. 
Stupendi Maury e Cesarone due trattori motorizzati “ Ferrari”. Hanno corso affiancati fino al 36°, dandosi manforte l’uno con l’altro, ottenendo anche loro un ottimo risultato. Maury se avesse osato un po’ di più sarebbe stato abbondantemente  sotto le 3h15’ perché oggi carico com’era avrebbe potuto fare quello che voleva, ma oramai è li . . . lo ha nel mirino. Un grandissimo bravo a Cesare che in pochissimo tempo ha fatto straordinari miglioramenti e “attenzione” . . . sono convinto che il ragazzo non si fermerà qui !!!
Un ringraziamento al Capitano che per il fatto di essere presente anche solo ( si fa per dire ) come pace maker, ha dato tranquillità e sicurezza a tutti.
Infine due parole sulla maratona di Milano. Il percorso è molto bello e scorrevole, ma io non faccio testo perché Milano è una gara che per tanti motivi ho nel cuore. L’unica pecca, che purtroppo l’organizzazione non riesce a risolvere e ciò mi dispiace, è la parte logistica sia in partenza che in zona arrivo altrimenti sarebbe perfetta. 

Cosa dire d’altro se non che è stata proprio una bellissima giornata. Sono contentissimo. Dire bravissimi a tutti quanti è poco. Hanno tutti dimostrato che con l’impegno in allenamento, con l’amicizia e  aiutandosi l’uno con l’altro si possono ottenere degli ottimi risultati. . . soprattutto con i . . . BIGINI . . . VERO . . .!!!


Share: