La carenza di sonno non giova ai muscoli.

Tanto meno a prestazioni e coordinazione.

Chi dorme poco o male, il giorno dopo non deve aspettarsi grandi prestazioni sportive. Ed eviti le attività fisiche che richiedono attenzione e coordinazione.

La perdita di sonno infatti disturba il funzionamento dell’orologio biologico, e causa alterazione che possono influire negativamente sull’attività sportiva.

Ne fa le spese soprattuto la capacità di coordinare i movimenti, perchè il sistema nervoso fatica a rispondere agli stimoli esterni.

Dal punto di vista fisico, la carenza di sonno provoca un abbassamento della frequenza cardiaca e della concentrazione di “carburante” nei muscoli, a scapito della forza muscolare.

Inoltre, ogni gesto costa di più in termini energetici, perchè un atleta stanco e assonnato coordina male i muscoli e fare lo stesso sforzo consuma molta più energia.

Share: