Ho sentito Beretta Roberto (Fluido) incitare tutti noi a iscriversi a questa gara, in modo da formare un folto gruppo di amici: GO GO GO. Ho visto quattro amici Gironi Andrea, Beretta Roberto (fluido), Odolini Massimiliano, Colombo Emilio Marco, Villa Norberto, presentarsi assieme a me alla partenza Maggiora (No) con una grande voglia di avventura. Ho sentito il briefing dell’organizzazione prima del via segnalare tutti i punti pericolosi del tracciato, elencandoli uno a uno … < non finivano mai! >. Ho visto la partenza di tutti noi, tranquilli, ordinati in fila presi per mano dall’organizzazione e accompagnati per qualche chilometro, come la SAFETY CAR in F1. Ho sentito il battito del mio cuore accelerare a ogni salita. Ho visto strade piene di fango e fiumi da guadare. Ho sentito il dolce suono della natura, accompagnarmi su tutto il percorso. Ho visto (Gironi Andrea) il mio compagno di avventura per gli ultimi ventuno chilometri, stare al mio fianco a condividere la fatica del tracciato. Ho sentito il sopraggiungere dei crampi, sparire per poi riapparire come per magia. Ho visto l’orizzonte davanti a me, in cima al Fenera (Monte Rosa, le vette delle Alpi Biellesi, Monte Barone, il Dom (4545 m), i rilievi delle Alpi Lepontine quali, il Pizzo di Antigine, il Pizzo di Antigine, il Pizzo di Andolla e la Weissmies (4031 m). Ho sentito il taglialegna con la sua sega circolare, rompere il silenzio della natura. Ho visto il mio corpo adattarsi alla pendenza senza mai lamentarsi. Ho sentito il calore e il conforto dei vari volontari incontrati sul percorso. Ho visto la fatica del mio volto riflesso nel fiume. Ho sentito lo scivolare dei miei piedi sulla discesa fangosa del Fenera. Ho visto lo spirito trail negli occhi delle persone. Ho visto una lingua di asfalto pianeggiante, dove poter liberare le mie gambe dalla fatica delle salite – discese. Ho sentito la voglia di arrivare fino alla fine senza mollare mai davanti alle avversità. Ho visto la distanza tra il penultimo e l’ultimo ristoro come un miraggio < troppo lontani uno dall’altro > Ho sentito una voce richiamarmi … stavo per sbagliare strada. Ho visto il sospirato traguardo. Ho sentito il respiro del mio corpo riposarsi dopo aver tagliato il traguardo fianco a fianco con Andrea. Ho visto, ho sentito … 57 Km di sudore, fatica,emozioni.    Classifica        Vedi Foto 
 
Share: