Bella, affascinante, emozionante, romantica, io l’ho vissuta così. Potrei iniziare nel raccontare il ritrovo alle 06.30 di mattina, con gli amici: Claudio, Giuseppe, Gian Luca, Nando e Gianmario, ma sarebbe scontato. Potrei raccontare del viaggio verso il ritrovo della gara presso la fiera di Verona, in barba ai TUTOR autostradali, ma sarebbe superfluo. Potrei raccontare la fila interminabile per il ritiro pettorale, ma sarebbe noioso. Potrei soffermarmi sugli intensi momenti vissuti prima della partenza, le sensazioni, i dubbi, le emozioni.

Potrei raccontare ogni chilometro di gara, la bellezza del percorso, del paesaggio, l’incitamento del pubblico veronese, lo stupore e le risate dei bambini, nel vedere il mio cappellino da elefante, ma questa volta preferisco raccontarvi il momento più bello, elettrizzante, unico, favoloso, pieno di adrenalina, in altre parole l’ARRIVO: sì l’arrivo; in particolare l’ultimo chilometro, ma soprattutto i dieci metri finali, tralasciando gli altri quarantadue chilometri iniziali, non meno importanti, meno intensi, privi di significato, ma perché incomparabili con l’emozione più grande che ho provato alla fine! Al fatidico ULTIMO CHILOMETRO ci arrivo stanco, ma felice, più che felice, euforico perché arrivo bene, senza nemmeno un CRAMPO, si … niente, fisicamente sono apposto, a tal punto che inizio ad accelerare fino all’entrata del capannone della fiera, dove è posizionato il traguardo e qui, sorpresa delle sorprese, in un tripudio di grida e incitamento a dieci metri dall’arrivo, i miei compagni d’avventura, vicino alle transenne, in fila indiana, già docciati  e cambiati: chi avendo fatto la mezza maratona come: Luca, Nando, Claudio; chi come Giuseppe… FENOMENO, percorrendo la maratona in un soffio; a tifare ME … FANTASTICO, FAVOLOSO, e mettiamoci anche “ CHE SPETTACOLO !!!” : PELLE DÌ CAPPONE !!! Mi avvicino a loro e stendendo il braccio con la mano aperta … CIAK … un cinque a tutti, rischiando di cadere su un faro posto per terra … IMBRANATO !!! Con l’entusiasmo di un bambino che ha appena ricevuto il suo regalo più grande e inaspettato, taglio il traguardo in 3h55’37”, tutto per mettere chilometri nelle gambe e fare esperienza; oggi con una soddisfazione in più: SENZA CRAMPI.   Vedi Foto

MARATONA

Giovinetto Giuseppe    3h42’37” (G.S. AVIS di Seregno)

Valcarenghi Fabio           3h55’35” (G.S. Marciatori Desio)

Longoni Gianmario         4h05’37” (G.S. AVIS di Seregno)

MEZZA MARATONA

Consonni Nando              1h29’56” (G.S. AVIS di Seregno)

Perego Gian Luca             1h40’35” (G.P. Villasantese)

Bilotti Claudio                  1h48’57” (G.S. Marciatori Desio)

Share: