Ventuno chilometri in diciotto giorni; questo è il bagaglio di allenamento che mi porto a dietro per questa gara. Non sono riuscito a fare di più; tanti progetti, tanti bei propositi, ma niente, non c’è stato nulla da fare, un blackout mentale, un rigetto della corsa. Nonostante questo … Ritrovo ore 05.15 nel piazzale di S. Pietro e Paolo a Desio; io ci arrivo a piedi, sono solo due chilometri e mezzo da casa mia. Oggi si va in pullman, perché è una gita organizzata dal mio gruppo, Marciatori Desio. Siamo in cinquanta, però solo io e Bilotti Claudio siamo iscritti alla mezza, tutti gli altri sul percorso dei dodici chilometri non competitivi. I

l viaggio è tranquillo, tutti mezzi addormentati, fuori c’è buio … che levataccia!!! Nonostante un improvviso guasto tecnico al pullman con relativo ritardo di un’ora sulla tabella di viaggio, riusciamo ad arrivare a Monteforte D’Alpone all’incirca alle 08.30. C’è tutto il tempo di cambiarsi e ammirare il bellissimo paesaggio; la nostra gara inizia alle 09.30 … quanta gente!! C’è di tutto: francesi, inglesi, tedeschi … anche una delegazione di Taiwan e riesco a fare una foto con l’ambasciatore … ormai sono famoso. Decidiamo di fare un po’ di riscaldamento, intanto per ambientarci; oggi ho deciso di correre al risparmio … visto il poco allenamento, non posso rischiare di avere i crampi. Mentalmente decido: 1h45’, è questo il tempo che voglio fare … vedremo!!.. Si parte puntuali 09.30, non prima però che lo spicker abbia elogiato uno dei top Runners Giorgio Calcaterra, campione mondiale di 100Km e Leoni, che circondato da una troupe di Sky , racconterà in diretta  questa sua ultima gara, poi appenderà le scarpe al chiodo. Prima del via silenzio assoluto e tutti ad ascoltare e cantare l’inno d’Italia … che emozione … pelle di cappone … finito … sparo … e Via … si parte. L’andatura che mi sono imposto non è elevata … 4.40-5.00 al chilometro; che fatica, non per la velocità , potrei andare più forte, ma perché mi stanno superando tutti … a destra, sinistra, sopra, sotto … e che cavolo!!! … è un calvario, faccio fatica a frenarmi. Si passa un piccolo paesino di nome Monti, dove è situato un piccolo strappo, poi Brognolingo; qui mi lascio alle spalle Bilotti, causa dolori al polpaccio (lo rivedrò sul pullman). Dopo Costalunga al  quarto chilometro, inizia la salita di sei chilometri … fantastica, per la maggior parte sterrato circondata da vigneti. È qui che mi prendo la mia rivincita; senza fare tanta fatica inizio a zigzagare e a superare tutti quelli che all’inizio andavano più veloce di me. Molti sembrano quasi fermi; tra un sorpasso e l’altro riesco a fare anche qualche foto e via a salire. Il terreno è fangoso, ma si corre bene e tra una vigna e l’altra arrivo al decimo chilometro, allo scollinamento. Cinquantatre minuti al punto di controllo, più 3 minuti rispetto alla media prefissata. Ora lo sterrato è finito, iniziano cinque chilometri di discesa su asfalto. Io la affronto con cautela, non voglio rischiare di cadere, 4.15-4.30 cercando di recuperare il tempo perso e di rientrare nella media che mi sono prefissato, fino al quindicesimo chilometro a Bressanella. Ora la strada è in pianura, l’andatura si fa più sostenuta, si passa Soave, S. Lorenzo e senza fermarmi al ristoro punto all’arrivo. Ultimi due chilometri in progressione fino a consumare tutta l’energia rimasta in corpo e fra due ali di folla taglio il traguardo in 1h 44’50” … PERFETTO!!!. Per la cronaca: il mio compagno d’avventura Bilotti Claudio ha finito la gara in 2h04’46”( dolori al polpaccio); il vincitore maschile, neanche a dirlo è stato Giorgio Calcaterra in 1h08’41”, per quanto riguarda la vincitrice femminile è stata Laura Giordano in 1h19’37” RECORD DELLA GARA . Vorrei fare i complimenti all’organizzazione sia per il pacco gara e i servizi messi a disposizione … OTTIMI. PS. Dimenticavo … Terzo tempo a Mantova al ristorante IL GIOGO a base di: antipasto, risotto allo champagne, servito dentro varie forme di grana, pasta ai formaggi, stracotto d’asino, arrosto di maiale, grana, dolce alla frutta,vino a volontà, grappa alle rose, limoncello e caffè, per ultimo per digerire, passeggiata sull’argine del Po’ … FANTASTICO!!!   Vedi Foto

Share: